fbpx

LE VIE DEL MONDO: PORTRAITS OF HUMANITY

La Fotografia di Viaggio: come raccontare un viaggio attraverso le immagini

Il viaggio è un’esperienza di vita, di relazione, di ricerca, di esplorazione.

 

 

Evento gratuito su prenotazione

Per prenotare il posto:  nadia@accademiatf.eu


 

La fotografia di viaggio è la conseguenza di una relazione con il luogo, con la gente, e con la natura, una memoria viva dell’esperienza. È un racconto, attraverso la luce, le visioni e le impressioni che si portano con sé di quell’esperienza.

Ci sono diversi modi di raccontare il viaggio attraverso la fotografia.

Stili differenti raccontano in maniera differente, e da queste differenze lo spettatore si farà un’idea estremamente diversa non solo di quel luogo ma anche dell’esperienza del viaggiatore e del viaggiare. La fotografia, infatti, possiede uno straordinario potenziale di sintesi, capace di modificare la percezione della realtà.

Le fotografie sembrano neutre ma non lo sono. Dietro ogni fotografia c’è una storia che arriva emozionalmente anche allo spettatore, sebbene non la conosca. È la storia della relazione del fotografo con il soggetto fotografato, la storia della sua ricerca e delle scelte fatte al momento dello scatto, in post-produzione e in fase di costruzione del racconto visivo.

Ma è nella fase di scatto che si determinano molti fattori e si aprono o precludono possibilità di racconto.

La serata sarà un’occasione per parlare di Fotografia in Viaggio e dei diversi possibili modi di raccontarlo, anche attraverso il progetto dell’autrice Visioni dal Mali, e per presentare il seminario Portraits of Humanity, che si terra  sabato 22 e domenica 23 giugno 2019.

ViSiOni dAl MaLi parla di fotografia, di viaggio, di tradizioni antiche, di esplorazioni, di dialogo con i bambini e di immaginazione.

Le fotografie sono state scattate in Mali tra ottobre 2011 e gennaio 2012.

Il progetto e il libro nascono dal desiderio di raccontare, attraverso lo spirito del viaggio e dell’incontro, la luce e le visioni, la bellezza del paese, le tradizioni antiche e il pensiero dei popoli che lo abitano, e che lo rendono straordinario.

Ispirata ai taccuini di viaggio, la fotografia è in questo lavoro una memoria dell’esperienza vissuta, delle impressioni e delle emozioni del viaggio.

Quando ho iniziato a lavorare al progetto sono stata invitata a condividere questa esperienza con i bambini delle scuole elementari. Da loro ho tratto ispirazione per i testi, che esprimono il viaggio attraverso sintesi evocative, mentre raccontano le tradizioni e la ricchezza culturale del paese in un modo divertente e comprensibile anche dai bambini” – Silvia Giachello

Chi è Silvia Papa Giachello

Fotografa, viaggiatrice e ricercatrice di storie, tradizioni e visioni del mondo; specializzata in Comunicazione
dei Beni Culturali (PhD Fac. di Architettura, Politecnico di Torino), ha sviluppato progetti di ricerca visiva e
documentazione digitale in collaborazione con Università, Istituzioni e Associazioni Culturali.

Scrive e fotografa per riviste e progetti culturali, e conduce seminari sulla fotografia, il viaggio e il potenziale creativo e cognitivo dello sguardo, con adulti e bambini.

Ha approfondito personalmente temi relativi al pensiero filosofico e simbolico di diverse culture del mondo, e
alla psicologia dell’arte.

Dal 1998 espone in mostre collettive e personali, in Italia e all’estero, collaborando anche con artisti di altre discipline. Dal 1986 ha esplorato diversi continenti e incontrato culture diverse in lunghi viaggi.

fotografia di viaggio

foto di Silvia Papa Giachello

fotografia di viaggio

foto di Silvia Papa Giachello

fotografia di viaggio

foto di Silvia Papa Giachello

fotografia di viaggio

foto di Silvia Papa Giachello

 

 

 

2019-03-12T19:46:57+00:00

Leave A Comment