fbpx

LA CAMERA OSCURA E LA SALA DI POSA

  • camera oscura

La ripresa fotografica in studio, lo sviluppo e la stampa in camera oscura: le massime espressioni della ricerca fotografica

  • docente:  Antonio Crisà
  • 5 lezioni al martedì sera (20,00 – 23,00) – data inizio corso: 07 gennaio 2020
  • classe limitata a 5 allievi!
  • costo: 260 euro (nel costo sono compresi tutti i materiali di consumo e le macchine fotografiche per il ritratto)

 Iscrizioni aperte: Prenota il tuo posto!


“La fotografia è una operazione chirurgica, la macchina è un bisturi, la camera oscura una sala operatoria…”- Ando Gilard

“I grandi temi della fotografia re-incontrano l’argento” – Antonio Crisà

La fotografia è digitale (?) – Parte prima: il ritratto *
Chi è nato, fotograficamente, negli ultimi 15 anni conosce bene (forse conosce soltanto) la tecnologia digitale che ha cambiato radicalmente il nostro modo di fare fotografia.
Per fortuna, possiamo dire: perché la tecnologia digitale ci ha permesso di raggiungere velocemente risultati qualitativi che con il procedimento classico erano molto complessi da ottenere.
Ma per quasi 200 anni la fotografia è stata dominio della chimica, delle pellicole, delle tank di sviluppo e degli ingranditori…
Il fascino della camera oscura (l’antro dell’alchimista?) non tramonterà mai e un certo tipo di fotografia continua a vivere di questa magia: la fotografia artistica, la sperimentazione, semplicemente la voglia di capire come è nata e cosa può ancora offrirci la Fotografia “classica”.
Quello che vi proponiamo in questo corso è il fascino di un mondo fatto di oscurità e di luce, di chimica e di materia da toccare e da modificare secondo il nostro pensiero.
Vi sembra arduo? La mente che modifica la materia…
Se ci pensate, cosa significa scattare una fotografia? Inquadrare una scena del mondo reale facendo in modo che i raggi di luce attraversino le lenti dell’obiettivo fino a colpire una superficie (la pellicola) su cui è stesa una emulsione a base di alogenuri di argento; la luce, prima, e lo sviluppo, poi, trasformano gli alogenuri in argento metallico che crea l’immagine così come siamo abituati a vederla stampata su carta fotografica… Ecco.
Lavoreremo esclusivamente su materiale in bianco e nero per tornare all’essenza della fotografia e anche perché il trattamento del colore, oltre ad essere eccessivamente complesso per i nostri scopi, non offre la stessa possibilità di intervento tecnico-creativo che abbiamo con l’emulsione all’argento.

E la sala di posa cosa c’entra?
Per stampare una fotografia dobbiamo prima di tutto crearla, no?
Dove prendiamo il materiale da stampare in questo corso? Semplice: lo creiamo noi!
E qual è l’altro luogo magico della fotografia, dove si creano le immagini, dove si gioca con ombre e luci, dove si progetta una fotografia?
Lo studio fotografico – la Sala di Posa – ci permette di fare tutto questo e nel nostro caso di permetterà di avviare le prime fasi del processo creativo che ci porterà ad ottenere il risultato finale.
In questo incontro lavoreremo sul ritratto: una modella poserà per noi su un set fotografico dandoci la possibilità di realizzare le immagini necessarie al proseguimento del corso.

INIZIAMO QUINDI:

Lunedì 25 novembre: dalle 20,00 alle 23,00

Il primo incontro è dedicato alla conoscenza teorica e alla chimica della fotografia. Parleremo di pellicola, di carta, di emulsioni sensibili, di bagni di sviluppo e di fissaggio. Ci occuperemo anche delle tecniche ibride (un mix tra il digitale e la chimica). Dedicheremo un po’ di tempo alla storia della fotografia. Insomma, faremo crescere in noi la curiosità per la parte pratica del corso.

Lunedì 2 dicembre: dalle 20,00 alle 23,00

Ci occuperemo della fase di ripresa: il ritratto in studio. Prepareremo due set con due schemi di luce diversi. Ognuno di noi realizzerà con tranquillità i ritratti alla modella con tutto l’aiuto di cui avrà bisogno da parte del docente.
Nessuna fretta quindi: questo non è un workshop “punta e scatta” dove si “devono” realizzare chili di immagini… Ognuno avrà il tempo necessario per realizzare le proprie fotografie, seguito passo-passo da Antonio Crisà, che metterà a disposizione la sua esperienza di lavoro in studio e la sua passione per la bella fotografia…

Lunedì 9 dicembre: dalle 20,00 alle 23,00

Entreremo finalmente nell’antro dell’alchimista: un po’ pratica per caricare le pellicole nelle tank di sviluppo, la preparazione dei bagni chimici… e via! Si parte con lo sviluppo dei negativi.
La serata si concluderà con l’analisi del materiale realizzato, in preparazione alla serata sucessiva quando la magia si compirà e nasceranno le fotografie da guardare, toccare, annusare… (già, perché i prodotti chimici un pochetto di odore lo fanno…)

Lunedì 16 e venerdì 20 dicembre: dalle 20,00 alle 23,00
Ed eccoci alla fase di stampa!
2 serate che ci vedranno alle prese con ingranditore, vaschette, pinze e liquidi per lo sviluppo e il fissaggio. Le nostre fotografie più belle saranno finalmente fruibili alla vista e al tatto sui fogli di carta fotografica. Questa è probabilmente la fase più emozionante di tutto il processo: le immagini che nascono sotto i nostri occhi sui fogli immersi nella vaschetta del rivelatore, illuminati solo dalla debole luce rossa!
Ma non finisce qui: passaggi successivi saranno costituiti dal viraggio (ma vi spiegherò strada facendo di cosa si tratta…), dal ritocco (spuntinatura) delle fotografie e infine dal montaggio per la loro presentazione.
Concluderemo ovviamente con analisi e commento dei lavori eseguiti e condividendo le emozioni vissute durante questa esperienza un po’ “magica”…

Ps: tutto questo è il procedimento negativo-positivo che William H. Fox Talbot brevettò nel 1841…

COSA OTTERREMO DA QUESTI INCONTRI?
Per molti sarà la prima esperienza con questo tipo di fotografia. Qualcuno avrà avuto modo di fare alcune prove nel bagno di casa, di notte, sfrattando praticamente i familiari da quella zona della casa (i più fortunati hanno lavorato in alloggi con doppi servizi…)
Per tutti sarà un “gioco” emozionante, divertente e formativo: perché dedicarsi in questo modo alla fotografia ci farà riflettere anche sulle attuali tecnologie digitali.
Non dimentichiamo i risultati: avremo le nostre fotografie sviluppate e stampate da noi e sarà una grande soddisfazione.
Il rischio è la… dipendenza: ma è un rischio che vale la pena correre!

CHI PUO’ PARTECIPARE?
Tutti! Non è richiesta nessuna competenza tecnica.
* Parte prima, abbiamo scritto su in alto: questo significa che ci sarà anche una parte seconda, e magari anche una parte terza in cui affronteremo altri temi fotografici oltre al ritratto, sempre ri-visti con un po’ di argento…

camera oscura

_____________________________________________________________________

Modalità di iscrizione e pagamento

  • Passa da noi, su appuntamento, ti faremo compilare un modulo di iscrizione e potrai pagare in contanti o assegno
  • On-line tramite bonifico bancario: ti invieremo un modulo da compilare e riconsegnarci via e-mail
  • Conto PayPal o carta di credito

La tua iscrizione al corso sarà considerata valida solo quando avrai versato la quota

_____________________________________________________________________

Per informazioni e iscrizioni: nadia@accademiatf.eu oppure contattaci telefonicamente

 

 

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

2019-12-11T14:00:35+00:00

Leave A Comment